oggi, allo studio campo boario: “glossopetrae”, di simona menicocci, con interventi sonori di luca venitucci

a Roma, OGGI, sabato 4 marzo 2017, alle ore 19:00
presso lo Studio Campo Boario
(viale del Campo Boario 4a)

prima lettura da

glossopetrae / tonguestones

di
Simona Menicocci

IkonaLíber, collana Syn, 2017
http://www.ikona.net/simona-menicocci-glossopetrae-tonguestones/

e

interventi sonori di
Luca Venitucci

https://www.facebook.com/events/382949768746697/

*

Le pietre di lingua, pietre di linguaggio, di parole, di idiomi, e le glosse, le liste, gli schemi, danno in questo libro origine a più reti di legami, e a strati – in termini davvero quasi geologici – di significato. Se ne possono elencare almeno tre:
• Le stratificazioni del dolore, riportato in segni sovrascritti, cancellati, ripresi, schiacciati dal gravare di altri segni aggiunti.
• Le lingue e le ‘cose’ e dunque le identità scomparse, o in via di sparizione, di etnie e popoli – sottoposti al ‘principio di sovrapposizione della vivenza’ – di cui affiorano fitti elenchi, monoliti di nomi stupefacenti.
• Le allegorie del pensiero e del peso delle parole, che è inevitabile siano pietre (in termini etici, di responsabilità verso il mondo oggettivo nominato, convocato nel ventaglio di possibilità aperto sempre dalla sintassi, anche quella comune, condivisa).
Sintassi. Chiave del discorso: discorso interrotto, non comune, in verità, separato, minato/sommerso (non salvifico) del libro.

§

“glossopetra” è il nome usato da Plinio per indicare le aeroliti (meteoriti) a forma allungata, che si riteneva cadessero nelle notti senza luna e avessero la proprietà, se usate come amuleti, di ridare la memoria. Con lo stesso nome si indicarono anche diversi fossili. N. Stenone (1669) dimostrò che le glossopetrae melitenses (trovate a Malta) sono denti di squali fossili

[http://www.treccani.it/enciclopedia/glossopetra/]

 

4 marzo, roma, studio campo boario: “glossopetrae”, di simona menicocci, con interventi sonori di luca venitucci

Roma, sabato 4 marzo 2017, alle ore 19:00
presso lo Studio Campo Boario
(viale del Campo Boario 4a)

prima lettura da

glossopetrae / tonguestones

di
Simona Menicocci

IkonaLíber, collana Syn, 2017
http://www.ikona.net/simona-menicocci-glossopetrae-tonguestones/

e

interventi sonori di
Luca Venitucci

https://www.facebook.com/events/382949768746697/

*

Le pietre di lingua, pietre di linguaggio, di parole, di idiomi, e le glosse, le liste, gli schemi, danno in questo libro origine a più reti di legami, e a strati – in termini davvero quasi geologici – di significato. Se ne possono elencare almeno tre:
• Le stratificazioni del dolore, riportato in segni sovrascritti, cancellati, ripresi, schiacciati dal gravare di altri segni aggiunti.
• Le lingue e le ‘cose’ e dunque le identità scomparse, o in via di sparizione, di etnie e popoli – sottoposti al ‘principio di sovrapposizione della vivenza’ – di cui affiorano fitti elenchi, monoliti di nomi stupefacenti.
• Le allegorie del pensiero e del peso delle parole, che è inevitabile siano pietre (in termini etici, di responsabilità verso il mondo oggettivo nominato, convocato nel ventaglio di possibilità aperto sempre dalla sintassi, anche quella comune, condivisa).
Sintassi. Chiave del discorso: discorso interrotto, non comune, in verità, separato, minato/sommerso (non salvifico) del libro.

§

“glossopetra” è il nome usato da Plinio per indicare le aeroliti (meteoriti) a forma allungata, che si riteneva cadessero nelle notti senza luna e avessero la proprietà, se usate come amuleti, di ridare la memoria. Con lo stesso nome si indicarono anche diversi fossili. N. Stenone (1669) dimostrò che le glossopetrae melitenses (trovate a Malta) sono denti di squali fossili

[http://www.treccani.it/enciclopedia/glossopetra/]

 

glossopetrae, glossopetrae

“glossopetra” è il nome usato da Plinio per indicare le aeroliti (meteoriti) a forma allungata, che si riteneva cadessero nelle notti senza luna e avessero la proprietà, se usate come amuleti, di ridare la memoria. Con lo stesso nome si indicarono anche diversi fossili. N. Stenone (1669) dimostrò che le glossopetrae melitenses (trovate a Malta) sono denti di squali fossili.

fonte:
http://www.treccani.it/enciclopedia/glossopetra/

il libro di Simona Menicocci:
http://www.ikona.net/simona-menicocci-glossopetrae-tonguestones/

nella collana syn di ikonalíber esce “glossopetrae”, di simona menicocci

glossopetrae, di Simona Menicocci, è uscito ora sia a stampa sia come e-book (pdf).

questo è l’indirizzo nel catalogo online di IkonaLíber:
http://www.ikona.net/simona-menicocci-glossopetrae-tonguestones/

qui la pagina facebook:
https://www.facebook.com/menicocci.glossopetraetonguestones.ikonaliber/

questo è l’indirizzo su Amazon.it (versione a stampa):
https://www.amazon.it/dp/8897778410

questo l’indirizzo su Bookrepublic/librerie.coop (distributore su 36 librerie online e venditore della versione e-book):
https://www.bookrepublic.it/book/9788897778424-glossopetrae-tonguestones/

un’anticipazione, un frammento significativo del libro, è uscito in questi giorni su Nazione indiana, grazie a Renata Morresi:
https://www.nazioneindiana.com/2017/01/15/glossopetrae/

“prove d’ascolto”: domani, 17 ottobre, a roma, alle 19:30

WSP Photography presenta, sabato 17 ottobre alle ore 19:30,
“Prove d’ascolto” – scritture divergenti  – reading #2.

Letture di

Fiammetta Cirilli | Elisa Davoglio | Andrea Inglese | Simona Menicocci 

Manuel Micaletto |  Renata Morresi |  Giorgia Romagnoli | Michele Zaffarano

Secondo appuntamento di una collaborazione tra WSP photography e il collettivo di scrittori e artisti  eexxiitt, ampliato a voci e sguardi esterni e liminari, sentiti prossimi e approssimanti…

http://www.collettivowsp.org/photography/?p=2985

WSP Photography
Via Costanzo Cloro 58 (Roma)

_

oggi a stoccolma: presentazione di “oei” n. 67/68 – “scrittura non assertiva” (sulla scrittura di ricerca in italia)

PRESENTAZIONE di “OEI” 67-68
OEI # 67–68: 512-sidigt nummer om icke-bekräftande skrivande

coverOEI poetry area: extension #26
”Icke-bekräftande skrivande! / Scrittura non assertiva!”

Lördag 29 augusti
Kl 14: samtal med de medverkande poeterna om strategier för skrivande i dagens Italien.
Kl 15.30–17: uppläsningar/framföranden

Poesiuppläsningar, framföranden och ett samtal mellan de italienska poeterna Mario Corticelli, Marco Giovenale, Mariangela Guatteri, Simona Menicocci, Silvia Tripodi och Michele Zaffarano om strategier för skrivande i dagens Italien.

Två arrangemang curaterade av Jörgen Gassilewski, Cecilia Grönberg, Jonas (J) Magnusson och Gustav Sjöberg

Ytterligare information på: http://www.modernamuseet.se/sv/Stockholm/Utstallningar/2015/Efter-Babel/Program/OEI-poetry-area/

 

images

OEI # 67–68: 512-sidigt nummer om icke-bekräftande skrivande Continue reading

“oei” 67-68: presentazione a stoccolma, 29 agosto 2015

PRESENTAZIONE di “OEI” 67-68
OEI # 67–68: 512-sidigt nummer om icke-bekräftande skrivande

coverOEI poetry area: extension #26
”Icke-bekräftande skrivande! / Scrittura non assertiva!”

Lördag 29 augusti
Kl 14: samtal med de medverkande poeterna om strategier för skrivande i dagens Italien.
Kl 15.30–17: uppläsningar/framföranden

Poesiuppläsningar, framföranden och ett samtal mellan de italienska poeterna Mario Corticelli, Marco Giovenale, Mariangela Guatteri, Simona Menicocci, Silvia Tripodi och Michele Zaffarano om strategier för skrivande i dagens Italien.

Två arrangemang curaterade av Jörgen Gassilewski, Cecilia Grönberg, Jonas (J) Magnusson och Gustav Sjöberg

Ytterligare information på: http://www.modernamuseet.se/sv/Stockholm/Utstallningar/2015/Efter-Babel/Program/OEI-poetry-area/

 

images

OEI # 67–68: 512-sidigt nummer om icke-bekräftande skrivande Continue reading