8 dicembre, roma: 6 gorilla a più libri più liberi

6autori

Più Gorilla Più Sapiens – Sei autori, un palcoscenico @plpl16
Più libri più liberi
@ Caffè Letterario
8 dicembre
Ore 18:00

Intervengono
Marco Giovenale, Davide Predosin,
Carlo Sperduti, Ivan Talarico,
Angelo Zabaglio, Alessandro Sesto

A cura di
Gorilla Sapiens Edizioni

https://www.facebook.com/events/1132502380160949/

http://www.plpl.it/event/gorilla-sapiens-reading/

“il paziente crede di essere”: finalista al premio trivio, per la sezione prosa

copertina_paziente

http://www.lasiritide.it/article.php?articolo=8160

http://www.expartibus.it/finalisti-del-premio-letterario-trivio-2016/

“Per la sezione Prosa edita la cinquina finalista è composta da: Dino Azzalin, Nel segreto di lei, ES, Milano 2016; Mariano Bàino, in (nessuna) patagonia, ad est dell’equatore, Napoli 2014; Marco Giovenale, Il paziente crede di essere, Edizioni Gorilla Sapiens, Roma 2016; Laura Liberale, Planctus, Meridiano Zero, Bologna 2015; Gilda Policastro, Cella, Marsilio, Venezia 2015″

corrispondenza privata_ (7) : gorilla in vista

copertina_pazienteRoma, 3 febbraio 2016

Cari ***,
a​ll’inizio di​ marzo esce un libro che posso dire di attendere da un po’. Direi più di vent’anni. Perdonate l’enfasi, è personale, un tot ​emotiva, non ​viene da niente di oggettivo ovviamente, se non ​da ​un fattore cronologico, ma insomma volevo scrivervene. E mi spiego meglio.

Il libro si intitola Il paziente crede di essere. Lo stampa la valorosa editrice Gorilla Sapiens. Ne trovate scheda e descrizione qui: http://www.gorillasapiensedizioni.com/libri/il-paziente-crede-di-essere. (Fra l’altro è già disponibile, in pre-ordinazione. Stampato. Acquistabile).

‘Sistematizza’ (e – spero non presuntuosamente – ‘fissa’ & “””storicizza”””, tra multiple virgolette) una fase di scrittura de​i primi ​anni ’90 in cui con particolare passione mi dedicavo alla prosa breve e brevissima, lunare e vagamente ‘nera’, di taglio cortazariano, direi (azzardando, certo).

La lunga attesa ha permesso però di fare di questo libro non solo una fotografia di testi cronologicamente non vicinissimi, ma una specie di racconto di percorso.

Infatti non solo riporta un numero di prose del tipo appena detto, ma include anche la gran parte dei testi ​miei ​contenuti nella sezione Diario del viaggio in Italia, nel libro collettivo Prosa in prosa (Le Lettere, 2009​).

​Infine​ raccoglie​,​ ​unite alle precedenti, alcune pagine da un lavoro assai recente e tutt’ora in fieri: Oggettistica.

​Bon. ​Così è composto il libro.

​I​nsomma volevo accennarvene​ o riaccennarvene (qualcuno di voi mi ha già sentito un po’ o molto blaterare in proposito)​, qualche settimana prima dell​’uscita. Scusandomi della prolissità e della … pubblicità. (Attribuitela se volete a enfasi ed emotività, …altra parola tronca, ​altra rima, ​perdonate: invecchio).

MG