sabato 22, galleria nazionale d’arte moderna (roma): nanni balestrini

sabato 22 aprile 2017, alle ore 18:00
Sala delle Colonne, Galleria Nazionale d’Arte Moderna e Contemporanea
viale delle Belle Arti, 131 – Roma
ingresso libero

Animatime – La poesia di Nanni Balestrini

Le avventure della signorina Richmond e Blackout è il secondo volume degli opera omnia poetici di Nanni Balestrini, in corso di raccolta presso DeriveApprodi, e include la produzione degli anni Settanta e Ottanta (anche se la serie delle “ballate” che hanno per protagonista l’allegorico uccello del titolo principale continuano a uscire lungo tutti gli anni Novanta), cioè quella che ha al centro la fuga e l’esilio in Francia (1979-1984) dopo il caso di persecuzione giudiziaria del “7 aprile”. Le “ballate” nascono proprio come cronaca di questi eventi, che comincia a uscire sulla prima «Alfabeta» sul finire del ’79, e della cronaca (prima di tutto nel senso medievale del termine) hanno appunto i caratteri. «Blackout» è invece un poemetto organico, pubblicato nel 1980, che ha caratteristiche di estrema compattezza e risoluzione strutturale; si tratta di un “iconotesto”, come oggi è invalso definire quei testi letterari nei quali le immagini vengono convocate non colla funzione vicaria dell’”illustrazione”, bensì con quella di una moltiplicazione e diversificazione del senso. I due organismi affiancati (con la bellissima serie degli “pseudosonetti” dall’esilio di «Ipocalisse» come epilogo) illustrano bene la compresenza, nell’opera di Balestrini, di intenzione polemica, in chiave politica, e inesausta sperimentazione linguistica e strutturale; e rappresentano uno straordinario campione della migliore letteratura prodotta in un periodo ingiustamente trascurato dalle storie letterarie e persino dalla memoria dei protagonisti diretti di quella stagione.

 

Relatori:

Nanni Balestrini, nato a Milano nel 1935, vive tra Roma e Parigi. Negli anni Sessanta è stato tra i principali animatori della stagione della «neoavanguardia». È autore di numerose raccolte di poesia e di romanzi di successo. Insieme a Umberto Eco ha animato la rivista «alfabeta2», serie della storica rivista culturale «alfabeta». La casa editrice DeriveApprodi sta procedendo all’edizione completa delle sue opere.

Andrea Cortellessa è nato a Roma nel 1968. Insegna Letteratura italiana contemporanea all’Università di Roma Tre. Il suo ultimo libro è Con gli occhi aperti. 20 autori per 20 luoghi (Exòrma 2016). Ha realizzato trasmissioni radiofoniche e televisive, spettacoli teatrali e musicali, il documentario Senza scrittori (RaiCinema 2010). Per L’orma editore dirige la collana Fuoriformato. È nella redazione di «Alfabeta2» e del «Verri», e collabora ad «Alias», al «Sole 24 ore», a «La Stampa», a «Doppiozero» e altre testate.

Cecilia Bello Minciacchi insegna Letteratura italiana contemporanea alla «Sapienza». Studiosa di avanguardie, ha dedicato alle futuriste l’antologia Spirale di dolcezza + serpe di fascino (2007) e Scrittrici della prima avanguardia (2012), e alle seconde avanguardie La distruzione da vicino. Forme e figure delle avanguardie del secondo Novecento (2012). Ha curato Vittorio Reta, Visas e altre poesie (2006) e Patrizia Vicinelli, Non sempre ricordano. Poesia Prosa Performance (2009). Di Emilio Villa ha curato Proverbi e Cantico. Traduzioni dalla Bibbia (2004) e L’opera poetica (2014). Ha introdotto Come si seducono le donne di Marinetti (Bur, 2015) e La signorina Richmond e Blackout di Balestrini (DeriveApprodi, 2016). Scrive per «alias-domenica».

oggi, 11 aprile, a napoli: presentazione de “il paziente crede di essere” e “strettoie”

A Napoli, OGGI, martedì 11 aprile 2017, alle ore 18:00
presso Evaluna, piazza Vincenzo Bellini 72

presentazione dei libri di Marco Giovenale
copertina_paziente strettoie_c

IL PAZIENTE CREDE DI ESSERE
(Gorilla Sapiens, 2016)

e

STRETTOIE
(Arcipelago Itaca, 2017)

*

interventi critici di
Bernardo De Luca e Viola Amarelli

sarà presente l’autore

https://www.facebook.com/events/1938580226375069/

*

Marco Giovenale vive a Roma dove lavora come editor e traduttore indipendente. Alcui suoi libri di poesia: Shelter (Donzelli, 2010), In rebus (Zona, 2012), Delvaux (Oèdipus, 2013), Maniera nera (Aragno, 2015). In inglese, recenti, le prose di Anachromisms (Ahsahta Press, 2014). Suoi testi sono antologizzati in Parola plurale (Sossella, 2005), Nono quaderno di poesia contemporanea (Marcos y Marcos, 2007), Poesia degli anni Zero (Ponte Sisto, 2011), Nuovi oggettivisti (Loffredo, 2013).

*

https://www.facebook.com/evalunalibreriadelledonne/

_

oggi, 8 aprile, a milano: presentazione de “il paziente crede di essere” e “strettoie”

A Milano, OGGI, sabato 8 aprile 2017, alle ore 18:00
presso la Libreria Popolare di via Tadino
(via Tadino 18)

presentazione dei libri di Marco Giovenale

copertina_paziente strettoie_c

IL PAZIENTE CREDE DI ESSERE

(Gorilla Sapiens, 2016)

e

STRETTOIE

(Arcipelago Itaca, 2017)

*

interventi critici di
Paolo Giovannetti e Paolo Zublena

coordina
Alessandro Broggi

https://www.facebook.com/groups/579348712160584/1298466023582179/

*

sarà presente l’autore

*

Marco Giovenale vive a Roma dove lavora come editor e traduttore indipendente. Alcui suoi libri di poesia: Shelter (Donzelli, 2010), In rebus (Zona, 2012), Delvaux (Oèdipus, 2013), Maniera nera (Aragno, 2015). In inglese, recenti, le prose di Anachromisms (Ahsahta Press, 2014). Suoi testi sono antologizzati in Parola plurale (Sossella, 2005), Nono quaderno di poesia contemporanea (Marcos y Marcos, 2007), Poesia degli anni Zero (Ponte Sisto, 2011), Nuovi oggettivisti (Loffredo, 2013).

*

https://www.facebook.com/Libreria-Popolare-di-Via-Tadino-784604448326709/

_

11 aprile, napoli: presentazione di “strettoie” e de “il paziente crede di essere”

A Napoli, martedì 11 aprile 2017, alle ore 18:00
presso Evaluna, piazza Vincenzo Bellini 72

presentazione dei libri di Marco Giovenale
copertina_paziente strettoie_c

IL PAZIENTE CREDE DI ESSERE
(Gorilla Sapiens, 2016)

e

STRETTOIE
(Arcipelago Itaca, 2017)

*

interventi critici di
Bernardo De Luca e Viola Amarelli

sarà presente l’autore

https://www.facebook.com/events/1938580226375069/

*

Marco Giovenale vive a Roma dove lavora come editor e traduttore indipendente. Alcui suoi libri di poesia: Shelter (Donzelli, 2010), In rebus (Zona, 2012), Delvaux (Oèdipus, 2013), Maniera nera (Aragno, 2015). In inglese, recenti, le prose di Anachromisms (Ahsahta Press, 2014). Suoi testi sono antologizzati in Parola plurale (Sossella, 2005), Nono quaderno di poesia contemporanea (Marcos y Marcos, 2007), Poesia degli anni Zero (Ponte Sisto, 2011), Nuovi oggettivisti (Loffredo, 2013).

*

https://www.facebook.com/evalunalibreriadelledonne/

_

8 aprile, milano: presentazione di “strettoie” e de “il paziente crede di essere”

A Milano, sabato 8 aprile 2017, alle ore 18:00
presso la Libreria Popolare di via Tadino
(via Tadino 18)

presentazione dei libri di Marco Giovenale
copertina_paziente strettoie_c

IL PAZIENTE CREDE DI ESSERE
(Gorilla Sapiens, 2016)

e

STRETTOIE
(Arcipelago Itaca, 2017)

*

interventi critici di
Paolo Giovannetti e Paolo Zublena

coordina
Alessandro Broggi

https://www.facebook.com/events/138682213331270/

*

sarà presente l’autore

*

Marco Giovenale vive a Roma dove lavora come editor e traduttore indipendente. Alcui suoi libri di poesia: Shelter (Donzelli, 2010), In rebus (Zona, 2012), Delvaux (Oèdipus, 2013), Maniera nera (Aragno, 2015). In inglese, recenti, le prose di Anachromisms (Ahsahta Press, 2014). Suoi testi sono antologizzati in Parola plurale (Sossella, 2005), Nono quaderno di poesia contemporanea (Marcos y Marcos, 2007), Poesia degli anni Zero (Ponte Sisto, 2011), Nuovi oggettivisti (Loffredo, 2013).

*

https://www.facebook.com/Libreria-Popolare-di-Via-Tadino-784604448326709/

_