intervista a satisfiction: un primo pdf

purtroppo per problemi tecnici la pagina del sito SatisFiction con l’intervista è inaccessibile.

la propongo dunque qui in forma molto semplice (senza immagini):

https://slowforward.files.wordpress.com/2017/06/mgiovenale_intervistasatisfiction_def.pdf

_

[r] _ semplicità delle sibille e della poesia concreta e visiva

   
stante il superamento di molte necessità tipografiche, e considerando la diffusione delle stampanti a basso costo, e le tecnologie legate alla riproduzione e diffusione delle immagini attraverso rete e dispositivi cellulari, un testo visivo può vivere grazie alla semplice addizione: matita + carta + ‘moltiplicatore’ elettronico.
il moltiplicatore può essere un cellulare, una webcam, uno scanner, una macchina fotografica digitale. la diffusione è data da una connessione web, o da una stampante. da una fotocopiatrice. eccetera.
e: di fatto la persistenza del testo – o della traccia – è perfino esterna alla sua registrazione e archiviazione. la sua indipendenza dai ‘mezzi’ è già scritta nell’ordine delle cose.

 

il semplice incontro con la traccia da parte di un osservatore è un altro segmento di vita della traccia, aggiunto.
  

in certi certi / differx. 2016

la produzione di tappezzeria saggistica, di teoria, negli autori che dalla ricerca passano al mainstream, segue (e tesse ritesse) il filo della noia. la ‘serietà’ del teatro accademico come specchio della costruzione del teatro interiore. (qualcosa di già avvenuto, che dà di sé i lumini del passato: un villaggio rassicurante nella notte della campagna, questo è l’autore. rincuora).
nella cameretta del suo cranio l’auctor pensa: “se mi farò vedere pieno di premesse e promesse, qualcuno le manterrà per me” (per “il me”).
le riviste non aspettano altro. la solidità delle rovine. per adesso tengono, questi archi, sono pittoreschi sul tramonto. o, come detto, presepi nel buio dell’epoca, un buio che evidentemente non riguarda la scrittura.
[già in http://recognitiones-ii.blogspot.it/2016/09/in-certi-certi-differx-2016.html, sett. 2016]