oggi a villa medici (roma): olivier cadiot e sébastien smirou, e christian rizzo

Nel contesto della rassegna “I giovedì della Villa”,
stasera, 25 maggio, a Villa Medici
(Accademia di Francia a Roma – Viale Trinità dei Monti, 1)

ore 19:00
La letteratura di che farsene: Olivier Cadiot e Sébastien Smirou
“Si dice spesso”, scrive Olivier Cadiot, “che la letteratura sia una terapia, ma non lo è affatto. Per nulla, assolutamente no. Ricopiare non guarisce nulla; non si sopportano meglio le cose duplicandole attraverso le parole – come se tutto dovesse andare meglio semplicemente parlandone”. Ma se soffrissimo della letteratura, sciuperemmo qualcosa parlandone? È quanto scopriremo discutendo con Olivier Cadiot, che è stato – e resta! – il primo maestro di Sébastien Smirou, psicanalista e scrittore, attualmente borsista a Villa Medici. Olivier Cadiot leggerà alcuni brani che illustreranno il suo lavoro, attraverso poesie, stralci di romanzo, o riflessioni sul senso della letteratura. La serata sarà ritmata da qualche sorpresa sonora.

Nato nel 1956, Olivier Cadiot è uno scrittore. Tutti i suoi libri sono stati pubblicati in Francia presso le edizioni P.O.L. Alcuni sono stati adattati per il teatro. È il caso, in Italia, di “Un mago d’estate”, tradotto da Gioia Costa e presentato a giugno 2016 al Festival delle Colline Torinesi.

Sébastien Smirou, scrittore e psicanalista, è attualmente borsista all’Accademia di Francia a Roma – Villa Medici.

e

ore 20:30
Christian RizzoComme crâne comme culte 

Christian Rizzo è un artista transdisciplinare: coreografo, regista, danzatore, scenografo. Dal 2015 è direttore del Centre Choréographique di Montpellier/Languedoc-Roussillon.
Ha creato la coreografia Comme crâne comme culte nel 2005, che poi ha adattato per il danzatore Jean-Baptiste André.

Questo spettacolo è presentato nell’ambito del festival Francia in Scena, stagione artistica dell’Institut français Italia, realizzata su iniziativa dell’Ambasciata di Francia in Italia, con il sostegno dell’Institut français e del Ministère de la Culture et de la Communication, della Fondazione Nuovi Mecenati, della Commissione Europea (Creative Europe) e del Ministero dell’Istruzione italiano dell’Università e della Ricerca – Afam (MIUR – Afam).