fortunosamente reperita in un ovetto di cioccolato la spiegazione del perché alcune riviste letterarie praticano una incontrollata assertività da vent’anni e costantemente se ne gloriano